Sant’Antonio maschere e suoni: al via la 60′ Edizione del Carnevale di Manfredonia

Carnevale Dauno

Foto di Salvatore Favia

Il 17 gennaio, con la Festa di S’Antonio, si apre ufficialmente il periodo carnevalesco.

Questo giorno ha origini e tradizioni storiche.               In passato in questo giorno si accendeva un grande falò e cominciavano le grandi sfilate di gruppi mascherati, sfilate che si protraevano fino ai giorni clou del Carnevale ripetendosi nei “giovedì grassi”. 

Si ballava spesso in casa tra amici, e si andava anche nelle cosiddette “socie”, locali attrezzati con festoni  e con musica: i gruppi mascherati vi giungevano dopo aver girovagato in allegria per le strade della città e vi facevano tre balli, poi uscivano (facendo posto ad altri…) andando alla ricerca dell’ennesima socia per altri tre balli…e così via! Un turbinio di maschere colorate inondavano dunque le vie, si incontravano e si facevano scherzi.

Era una consuetudine  quella del giovedì grasso nelle “socie” che purtroppo si è andata perdendo con l’organizzazione di veglioni a pagamento in locali privati.

Tuttavia, seppur perdendo momenti  così importanti della propria tradizione, ancora oggi il Carnevale Dauno è  rinomato, arricchito nel tempo da ulteriori meravigliose sfilate e preparato ancora nei minimi dettagli con gli attivissimi laboratori sartoriali. 

 Il 17 gennaio alle ore 19,00 si dà il via ufficiale ai festeggiamenti del 60° Carnevale di Manfredonia. Nel suggestivo scenario dell’Auditorium di Palazzo Celestini verrà presentata la 60a Edizione del Carnevale di Manfredonia.

Informazioni tratte dal blog “Italia intorno a me”

Articoli correlati:

Commenti chiusi