Eremi di Pulsano tra natura e spiritualita’

Condividi

Ci sono luoghi dove la storia ha lasciato indelebilmente il suo segno fondendosi con il mistico fascino della natura e della spiritualità.

Gli Eremi di Pulsano sono i luoghi d’eccellenza in cui immergersi nella spiritualità e nella meditazione. L’Associazione Daunia TuR e l’Associazione “Pro Valloni Garganici onlus ” che operano per la salvaguardia e la fruizione culturale e turistica degli Eremi di Pulsano, hanno voluto riportare alla luce “il desiderio di bellezza e di significato che da millenni muove le gambe dei pellegrini verso la Sacra Grotta dell’Arcangelo Michele salendo lungo i valloni garganici. La fatica nel salire tra le rupi é il sacrificio che diventa sorpresa, felicità nel conoscere luoghi tanto vicini quanto sconosciuti e ricchi di fede vissuta, che provocano  domande sul senso della vita, domande che la frenesia della vita moderna cerca invano di far tacere” (A.Torre).

Valle Campanile con i suoi eremi ed il suo paesaggio suggestivo è risultato per eccellenza “il luogo del cuore” degli italiani nel censimento FAI. Questi eremi, proprio perché meno visibili, sono il cuore più intimo di Pulsano, dove il silenzio e il mistero che li avvolgono fanno da contrappunto alla trasbordante ricchezza di vicende storiche che ha caratterizzato il complesso abbaziale. Gli eremi di Pulsano manifestano nel modo più concreto, nei ricchi fregi dell’abbazia e nella nuda roccia degli eremi, la complementarietà che deve sempre esserci fra vita attiva e vita contemplativa, secondo la più autentica tradizione monastica. Qui si trovano le tracce della vita dell’uomo di varie epoche millenarie. La natura geografica del vallone ha permesso ai vari popoli di trovare le condizioni migliori per affermare i propri culti.  La vegetazione tipica della macchia mediterranea fa da preambolo ad un panorama incantevole che si affaccia sul golfo di Manfredonia rendendo l’escursione piena di emozioni.

N.B.: Si accettano prenotazioni per tutti i sabati e domeniche!!!

Articoli correlati:

I commenti sono chiusi