Visita Manfredonia con Daunia TuR

Condividi
Foto di Marina del Gargano

Foto di Marina del Gargano

L’associazione Daunia TuR offre il servizio di guida turistica per accompagnarvi a conoscere il meglio della città di Manfredonia.

Manfredonia è situata ai piedi del Gargano, nel golfo più grande del mar Adriatico centro-meridionale. E’ la città portuale e marittima per eccellenza della provincia di Foggia.

Le principali attrattive turistiche sono:

  • Il Castello Svevo-Angioino-Aragonese, iniziato da Re Manfredi, costruito dagli Angioini e terminato dagli Aragonesi. Oggi ospita il Museo Archeologico Nazionale, al suo interno si conservano numerose Stele Daunie e reperti dell’Antica Sipontum e sale tematiche;

Indirizzo: Corso Manfredi, 71043 Manfredonia FG
Orari: Da Martedì a Sabato aperto dalle 8,30 alle 19,30, ultimo ingresso ore 19,00. Domenica aperto dalle 14,30 alle 19,30, ultimo ingresso ore 19,00. 
Costo: gratuito 
Note: Attenzione: al momento non sono visitabili le sale espositive del Museo Nazionale Archeologico 

Vista-aerea-Castello-di-Manfredonia

Vista aerea del castello Svevo-Angioino di Manfredonia

  • IDuomo della Cattedrale di San Lorenzo Maiorano, edificato nel XVII secolo sui resti di un edificio di culto medievale, fu terminato solamente nel XVIII secolo ed ancora oggi conserva l’originaria decorazione, al suo interno l’icona della Madonna di Siponto, la statua lignea della Madonna dagli occhi sbarrati detta “la Sipontina”;

Indirizzo: Via Arcivescovado 71043 Manfredonia
Orari: 8,30 – 11,15. 16,30 – 20,00 
Costo: ingresso libero 

Cattedrale Manfredonia

Cattedrale di San Lorenzo Maiorano

  • Il Museo Diocesanoinaugurato di recente, è un nuovo polo culturale, nato nel contesto di un territorio, quello di Siponto-Manfredonia, ricco di una lunga e grande tradizione di fede e di storia. La galleria conta sette spazi espositivi ad ognuno dei quali è stato dato un nome in base ai reperti contenuti. La prima sala della sezione “Fragmenta Sypontinae Ecclesiae”, chiamata “all’alba del primo millennio”, ospita frammenti scultorei che provengono dagli scavi della chiesa vescovile paleocristiana di Santa Maria a Siponto. Proseguendo si giunge nella sala “del leone” riservata all’esposizione di uno dei due leoni marmorei che sorreggevano la ‘seduta’ del trono vescovile della cattedrale di Siponto e alcune travi marmoree del pulpito, firmate dai magistri David e Acceptus. La successiva sala “dell’aquila”prende il nome dalla presenza dell’affascinante aquila ‘reggi-leggio’ dell’ambone. Si giunge quindi nella sala “tra Siponto e Manfredonia” che raccoglie testimonianze lapidee del Medioevo inoltrato, tra cui due frammenti di una lastra sepolcrale del sec. XV e tre capitelli di fattura angioina. La seconda sezione, “Manfredonia, la diocesi dal XIII al XX sec.” ospita la suggestiva “galleria degli arcivescovi”, con gli stemmi di tutti gli arcivescovi della Chiesa sipontina dal 1218 ad oggi. Lungo le pareti sono inoltre esposti i ritratti degli arcivescovi a partire dal 1680. La sala “il bello sensibile della liturgia” espone paramenti e argenti sacri e una splendida cornice del ’700, che a suo tempo impreziosiva l’antica icona della Madonna di Siponto. A concludere la visita si entra nella sala intitolata “il buon vescovo” dove troneggia una tela raffigurante un inedito ritratto di papa Benedetto XIII, al secolo Pietro Francesco Orsini.

Indirizzo: Via Arcivescovado,12 (nei pressi della Cattedrale)
Orari: Martedì, Giovedì e Sabato 17,00 – 19,00                                      Costo: ingresso libero 

17

Il Museo Diocesano presente nel palazzo Arcivescovile di Manfredonia

  • Parco Archeologico Le Basiliche di Siponto,

    Area archeologica di grande rilevanza che  testimonia  l’importanza raggiunta dall’antica Siponto in epoca romana (colonia dal 194 a.C.), quando assunse il ruolo di uno dei principali porti della Regio II. I resti della basilica paleocristiana a tre navate con abside centrale e pavimento a mosaico, ricordano che fu sede di una delle più importanti diocesi della regione. Pregiati pavimenti musivi relativi alla fase di edificazione della basilica (IV sec. d.C.) e alla sua ristrutturazione, avvenuta nel secolo successivo, sono visibili all’interno della chiesa medievale di santa Maria Maggiore.

    La chiesa, edificata tra la fine dell’XI e gli inizi del XII secolo, è uno dei cardini dell’architettura romanica pugliese. Ha la forma di un cubo sormontato al centro da una piccola cupola e una cripta con ingresso dall’esterno. Tra la fine dell’XII e gli inizi del XIII secolo fu sottoposta a numerosi interventi di rifacimento. Per la costruzione e la decorazione architettonica furono reimpiegati materiali della più antica Siponto (colonne, capitelli). Pregevole il portale con archivolto sostenuto da due colonne poggianti sul dorso di un leone.

    L’elemento caratterizzante è l’installazione artistica del giovane Edoardo Tresoldi: una struttura in rete metallica leggera e trasparente che ridisegna i volumi originari dell’antica basilica, costruita in soli 3 mesi a ridosso della chiesa medievale esistente. Un’opera permanente alta 14 metri che rende unico l’intervento e definisce un nuovo landmark nel paesaggio pugliese; un originale connubio tra archeologia e arte contemporanea che restituisce la terza dimensione ad architetture ormai scomparse, integrandosi e fondendosi con l’ambiente circostante, a fini conservativi e divulgativi.

Indirizzo: Strada Statale 89 Garganica, 71043 Manfredonia FG
Orari: Primavera-Estate ore 12,30 -21,30. Autunno-Inverno ore 9,00 – 18,00 
Costo: Ingresso libero

Basilica di Siponto

Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto

  • Gli Ipogei di Capparelli, sito archeologico e preistorico in Località Capparelli situata su un diverticolo del Decumano (attuale S.S. 89 ingresso Manfredonia Sud). Il complesso cimiteriale costituisce un vero e proprio suburbio nella parte sudoccidentale della città tardo-antica e altomedievale di Siponto. Note nell’antichità come le grotte di Siponto presero poi il nome della omonima masseria di Capparelli, le cui stalle hanno inglobato i sottostanti ambulacri. Gli ipogei cristiani vengono, forse dopo il XIII secolo, utilizzati come cave di un tufo giallastro simile alla pozzolana, che divenne il materiale da costruzione più utilizzato a Manfredonia.

Indirizzo: Strada Statale 89 Garganica, 71043 Manfredonia FG
Orari: Ingresso su prenotazione (contattateci)
Costo: Euro 2,00 a persona (per gruppi dai 15 partecipanti)

ipogei capparelli-2

Ipogei Loc. Capparelli

  • L’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara, costruita in stile romanico nel XI secolo, vanta la particolarità di essere attraversata da un raggio di sole a mezzogiorno del solstizio d’estate (21 giugno), che, dal rosone della facciata, disegna sul pavimento una rosa ad undici petali.

Indirizzo: Strada Statale 89 Garganica km 175,800
Orari: 9,00-19,00

Costo: Ingresso libero

Portale di San Leonardo in Lama Volara

Portale di San Leonardo in Lama Volara

 

Foto di Angelo Torre

Solstizio di San Leonardo in Lama Volara (Foto di Angelo Torre)

  •  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Il sito archeologico-naturalistico degli Ipogei Santa Maria Regina, Fuori dalle mura di cinta dell’antica città di Siponto, sorsero in età tardo antica complessi funerari ipogeici, come  quelli di Capparelli, Minonno, Santa Maria Regina e Scoppa. Sotto la Chiesa di Santa Maria Regina, sono visitabili due Ipogei; non lontano, nell’area della pineta, sono visibili altri due che furono trovati e sistemati durante la bonifica sipontina degli anni ’30. Una certa caratterizzazione del Cristianesimo a Siponto, dal V Secolo in poi, si può intravvedere nel programma di rigenerazione spirituale di cui si fa promotore il Vescovo Lorenzo, detto il Majorano.

Indirizzo: Piazza Santa Maria Regina, Siponto Manfredonia FG
Orari: Ingresso su prenotazione (contattateci)
Costo: Euro 2,00 a persona (per gruppi dai 15 partecipanti)

TARIFFE INTERA GIORNATA: DA 1 A 20 PERSONE: € 5,00 a persona PER GRUPPI FINO A 50 PERSONE: € 3,00 a persona BAMBINI UNDER 10 ANNI: GRATIS N.B.: Per richieste di gruppi scolastici verranno effettuati dei preventivi personalizzati.

Per pranzi con menu turistici presso ristoranti convenzionati oppure per altri servizi turistici (pernottamento, acquisto di prodotti tipici e souvenir, servizio taxi, ecc.) non esitate a contattarci.

Immagine 1

Immagine 2

Video Promozionale Siponto

 

Articoli correlati:

I commenti sono chiusi