Visita Manfredonia con Daunia TuR

Condividi
Foto di Marina del Gargano

Foto di Marina del Gargano

L’associazione Daunia TuR offre il servizio di guida turistica per accompagnarvi a conoscere il meglio della città di Manfredonia.

Manfredonia è situata ai piedi del Gargano, nel golfo più grande del mar Adriatico centro-meridionale. E’ la città portuale e marittima per eccellenza della provincia di Foggia.

Le principali attrattive turistiche sono:

  • Il Castello Svevo-Angioino, iniziato da Re Manfredi, costruito dagli Angioini e terminato dagli Aragonesi. Oggi ospita il Museo Archeologico Nazionale, al suo interno si conservano numerose Stele Daunie e reperti dell’Antica Sipontum e sale tematiche. Al momento sono in fase di restauro e quindi il Museo ed il Castello risultano chiusi;
Vista-aerea-Castello-di-Manfredonia

Vista aerea del castello Svevo-Angioino di Manfredonia

  • Il Duomo della Cattedrale di San Lorenzo Maiorano, edificato nel XVII secolo sui resti di un edificio di culto medievale, fu terminato solamente nel XVIII secolo ed ancora oggi conserva l’originaria decorazione, al suo interno l’icona della Madonna di Siponto, la statua lignea della Madonna dagli occhi sbarrati detta “la Sipontina”;
Cattedrale Manfredonia

Cattedrale di San Lorenzo Maiorano

  • Il Museo Diocesanoinaugurato di recente, è un nuovo polo culturale, nato nel contesto di un territorio, quello di Siponto-Manfredonia, ricco di una lunga e grande tradizione di fede e di storia. La galleria conta sette spazi espositivi ad ognuno dei quali è stato dato un nome in base ai reperti contenuti. La prima sala della sezione “Fragmenta Sypontinae Ecclesiae”, chiamata “all’alba del primo millennio”, ospita frammenti scultorei che provengono dagli scavi della chiesa vescovile paleocristiana di Santa Maria a Siponto. Proseguendo si giunge nella sala “del leone” riservata all’esposizione di uno dei due leoni marmorei che sorreggevano la ‘seduta’ del trono vescovile della cattedrale di Siponto e alcune travi marmoree del pulpito, firmate dai magistri David e Acceptus. La successiva sala “dell’aquila”prende il nome dalla presenza dell’affascinante aquila ‘reggi-leggio’ dell’ambone. Si giunge quindi nella sala “tra Siponto e Manfredonia” che raccoglie testimonianze lapidee del Medioevo inoltrato, tra cui due frammenti di una lastra sepolcrale del sec. XV e tre capitelli di fattura angioina. La seconda sezione, “Manfredonia, la diocesi dal XIII al XX sec.” ospita la suggestiva “galleria degli arcivescovi”, con gli stemmi di tutti gli arcivescovi della Chiesa sipontina dal 1218 ad oggi. Lungo le pareti sono inoltre esposti i ritratti degli arcivescovi a partire dal 1680. La sala “il bello sensibile della liturgia” espone paramenti e argenti sacri e una splendida cornice del ’700, che a suo tempo impreziosiva l’antica icona della Madonna di Siponto. A concludere la visita si entra nella sala intitolata “il buon vescovo” dove troneggia una tela raffigurante un inedito ritratto di papa Benedetto XIII, al secolo Pietro Francesco Orsini.
17

Il Museo Diocesano presente nel palazzo Arcivescovile di Manfredonia

  • La Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto, un bell’edificio romanico edificato nella prima metà del XI secolo, fu costruita su una chiesa paleocristiana antichissima, di cui riprende la pianta e gran parte delle forme architettoniche;
Basilica di Siponto

Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto

  • Gli Ipogei di Capparelli, sito archeologico e preistorico in Località Capparelli situata su un diverticolo del Decumano (attuale S.S. 89 ingresso Manfredonia Sud). Il complesso cimiteriale costituisce un vero e proprio suburbio nella parte sudoccidentale della città tardo-antica e altomedievale di Siponto. Note nell’antichità come le grotte di Siponto presero poi il nome della omonima masseria di Capparelli, le cui stalle hanno inglobato i sottostanti ambulacri. Gli ipogei cristiani vengono, forse dopo il XIII secolo, utilizzati come cave di un tufo giallastro simile alla pozzolana, che divenne il materiale da costruzione più utilizzato a Manfredonia.
    ipogei capparelli-2

    Ipogei Loc. Capparelli

  • L’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara, costruita in stile romanico nel XI secolo, vanta la particolarità di essere attraversata da un raggio di sole a mezzogiorno del solstizio d’estate (21 giugno), che, dal rosone della facciata, disegna sul pavimento una rosa ad undici petali.

Portale di San Leonardo in Lama Volara

Portale di San Leonardo in Lama Volara


Foto di Angelo Torre

Solstizio di San Leonardo in Lama Volara (Foto di Angelo Torre)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • I numerosi palazzi nobiliari, edificati nel corso dei secoli dalle numerose famiglie signorili di Manfredonia, testimoniano la ricchezza della città nei secoli passati;
  • La visita al faro sul porto di Levante, permette di ammirare l’eccezionale panorama del centro sipontino.

Panoramica dal faro 1

Panoramica dal faro verso i porti


Panoramica dal faro 2

Panoramica dal faro verso la città

 

 

 

 

 

 

 

TARIFFE INTERA GIORNATA: DA 1 A 20 PERSONE: € 5,00 a persona PER GRUPPI FINO A 50 PERSONE: € 3,00 a persona BAMBINI UNDER 10 ANNI: GRATIS N.B.: Per richieste di gruppi scolastici verranno effettuati dei preventivi personalizzati.

Per pranzi con menu turistici presso ristoranti convenzionati oppure per altri servizi turistici (pernottamento, acquisto di prodotti tipici e souvenir, servizio taxi, ecc.) non esitate a contattarci.

Immagine 1

Video Promozionale Manfredonia


Immagine 2

Video Promozionale Siponto

 

Articoli correlati:

I commenti sono chiusi