Trekking in Foresta Umbra: Cutino Scaranappe

La Foresta Umbra èSentiero Scaranappe certamente il luogo simbolo dell’escursionismo garganico, reti di sentieri attrezzati sono presenti in quest’area già da diversi decenni. Pur essendo contraddistinta da impluvi naturali, la Foresta Umbra è priva di corsi d’acqua a causa della natura carsica dell’area. In alcuni punti tuttavia, caratterizzati da fondo e pareti impermeabili, si raccolgono le acque meteoriche dando origine alla formazione dei cosiddetti Cutini dalla forma e dimensioni variabili. Il percorso parte dall’area da pic-nic immediatamente sotto la Casa Cantoniera in direzione Monte Sant’Angelo. Esso porta a visitare il Cutino Scaranappe, recentemente restaurato dalla forestale, e successivamente si ricongiunge al sentiero verso Paglizzi. Si tratta di una piccola depressione impermeabilizzata naturalmente, che raccoglie l’acqua dal declivio circostante mediante dei canaletti di drenaggio. Arrivati alla Casa Cantoniera, il percorso si articola all’interno di un bosco di faggi. Alcuni esemplari plurisecolari marcescenti, mostrano l’azione incessante del tambureggiare dei picchi alla ricerca di cibo e l’attacco da parte di funghi del genere fomes, segno della decomposizione già in atto. Il sentiero giunge prima al Cutino Paglizzi e poi ai ruderi dell’antico casolare Paglizzi, quasi al margine occidentale della foresta.
Il Cutino Scaranappe, è situato nel cuore della Riserva Naturale Biogenetica Foresta Umbra, a circa 730 m s.l.m. Ha una forma semi circolare di 12x6m circa ed una profondità massima nella zona centrale di circa 40 cm. Il Cutino occupa la parte centrale di una dolina, che raccoglie, attraverso delle canalette costruite dall’uomo, le acque di ruscellamento dai declivi circostanti. Il Cutino è provvisto di un muretto a secco, con due aperture, poste alle estremità dell’asse maggiore della pozza. Questo Cutino arginato da un muretto a secco, costruito dall’uomo, rappresenta nella sua tipologia la classica pozza d’acqua temporanea dei boschi mesofili, che durante la stagione calda si riduce notevolmente. Questi ambienti, caratterizzati da acque poco trasparenti, povere di vegetazione acquatica, ma ricche di nutrienti e tannini, ospitano una fauna costituita soprattutto da piccoli crostacei (Anostraci, Concostraci, Cladoceri e Copepodi) adattata alla sopravvivenza nei periodi di asciutta e nel fango. Particolarmente interessante è la presenza nelle acque del Cutino dell’anostraco Chirocephalous diaphanus, un piccolo crostaceo capace di sopravvivere nei periodi di asciutta. Le uova di questo piccolo crostaceo possono rimanere in quiescenza nel sedimento secco anche per molti mesi, schiudendosi poi in inverno, stagione durante la quale si svolge l’intero ciclo biologico. In prossimità della pozza tra il fogliame umido, vive la Rana dalmatica (Rana dalmatica). Il Cutino Scaranappe è situato in una zona della Foresta Umbra poco frequentata dai visitatori ed escursionisti, quindi è relativamente facile avvistare nei pressi della pozza, animali selvatici (Caprioli, Cinghiali, Volpi, Faine) che vanno ad abbeverarsi. In Foresta Umbra, e più in generale sul Gargano, la scarsità di luoghi di abbeverata per la fauna selvatica e domestica, è di fondamentale importanza tutelare questi fragili ecosistemi.

Tempo di percorrenza : 2 ora e mezza
Lunghezza del percorso: 2,8 chilometri
Altitudine: 733 – 745 metri s.l.m.
Vegetazione: Bosco di faggeta

Equipaggiamento: Pranzo a sacco; scarpe da trekking, scorta d’acqua (almeno 1 litro a persona), pantaloni lunghi, cappello, abbigliamento a strati idoneo alla stagione in corso, binocolo e macchina fotografica.

PROGRAMMA:
Ore 8.45: Incontro dei partecipanti in via Scaloria nel parcheggio antistante il Ristorante “La Vela d’oro” di Manfredonia;
Ore 9.00: Partenza per la Foresta Umbra;
Ore 10.00: Arrivo presso l’area di sosta ed inizio escursione con attività di educazione ambientale;
Ore 17.00 circa: termine percorso e partenza;
Ore 18.00 circa: rientro a Manfredonia.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
€ 5,00 AL SOCIO
€ 7,00 AL NON SOCIO

TRASPORTO ED ORGANIZZAZIONE:
Lo spostamento è previsto con autovettura propria organizzata per gruppi in car pooling al momento della partenza. Il pranzo è libero ed autonomo a sacco a cura del partecipante.

E’ INDISPENSABILE COMUNICARE LA PROPRIA PARTECIPAZIONE ALL’EVENTO ENTRO E NON OLTRE LE ORE 10:00 DI SABATO 9 MAGGIO 2015 CONTATTANDOCI AI NOSTRI RECAPITI TELEFONICI:

Sede Associativa DAUNIA TUR: 0884/660558

Presidente Raffaele Frattarolo: 340/1052608

Vice Presidente, Tesoriere:Giuseppe Frattarolo: 348/8137728

Segretario Amministrativo: Michele Sacco: 327/2161648

N.B. L’itinerario verrà effettuato previo raggiungimento del numero minimo di 10 partecipanti.
L’itinerario potrà subire variazioni o rinvii di data in caso di condizioni meteo avverse, tali da non consentire il regolare svolgimento dell’itinerario.

Articoli correlati:

Commenti chiusi