Salento e Valle d’Itria

VISITE GUIDATE IN SALENTO E VALLE D’ITRIA

Agenzia di prenotazione visite guidate in Puglia http://www.percorsinet.eu/it/

Agenzia di prenotazione visite guidate in Puglia
http://www.percorsinet.eu/it/

INTERA GIORNATA (Full day) ALBEROBELLO- OSTUNI

Alberobello

Ostuni

Visitiamo Alberobello, dal tardo-greco τρούλος/cupola a indicare la tipicità unica al mondo di questa parte di Murgia, il trullo, esempio geniale e longevo di ingegneria rurale, cono di Chianche privo di elementi di sostegno e collegamento dalla straordinaria capacita statica: ambienti interni distribuiti intorno al vano centrale, Grubość ścianek rzadkie występowanie okna zapewnić optymalną równowagę,,it,Pomysłowe obecności wystających z gzymsu dachu używane do zbierania wody opadowej w,,it,Martina Franca I CISTERNINO,,it,również,,it,TARANTO Z Narodowe Muzeum Archeologii i,,it,świadczy o bogactwie miasta i jego umiejętności złotników,,it,ale szlachetny wygląd i bogate w swych wystawnych rezydencji barokowych,,it,Piazza Garibaldi i zdominowana przez ścisłym Imperial pałacu z wielkim portalu i balkonem na wsporników i żelazną balustradą,,it,I „uroczy stolicy,,it,Kościół,,it,magia,,es,Zakład miasta datuje się na „500 ” 600, gdy miasto,,it,Nowoczesne centrum miasta oraz Piazza,,it,Po południu,,it,widoczne tutaj,,it,zdominowany przez Zamek,,it termico. La chiave di volta e spesso decorata con motivi di carattere esoterico, spirituale o propiziatorio. Ingegnosa la presenza di un cornicione sporgente dal tetto utilizzato per la raccolta delle acque piovane in specjalne zbiorniki. Zwiedzamy stare zabytkowe centrum Alberobello, Stolica Trulli i Światowego Dziedzictwa. Poruszamy się Ostuni, The White Queen Oliwna, białość domów koncentrycznych rozwinęła się wokół katedry, autentyczne i niepowtarzalne przykładem starego rdzenia Śródziemnego umieszczone na trzech wzgórzach, in posizione elevata sull’altopiano murgiano che verso est va a tuffarsi nel blu dell’Adriatico.

INTERA GIORNATA (Full day) A LOCOROTONDO, MARTINA FRANCA E CISTERNINO

Locorotondo

Martina Franca

Una passeggiata nella magia senza tempo della Murgia dei Trulli, nelle sue tipicità, valenze architettoniche. Incontriamo Locorotondo, definito il più bel balcone della valle: dal suo belvedere un territorio emozionante, un mosaico di piccoli vigneti segnati da muretti a secco, macchie di bosco mediterraneo e argentei uliveti che circondano antiche masserie, migliaia di trulli sparsi nelle contrade. In più, il piccolo cisternino-16nucleo antico di Locorotondo, racchiuso nella sua perfezione circolare di pietre e il bianco della calce che avvolge ogni cosa, abbagliante sfondo alle architetture barocche in pietra locale. Anche qui una tipicità unica al mondo: i tetti delle case a cummerse, forma aguzza di pietre grigie che fanno svettare in alto le facciate delle case che all’interno presentano ambienti dalle tipiche volte a stella. Poco distante Martina Franca, un centro storico esaltato dal barocchetto, uno stile architettonico che solo qui in Murgia fiori nel XVII sec e che oggi contraddistingue palazzi signorili e le monumentali chiese del centro storico.

INTERA GIORNATA (Full day) A TARANTO CON MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE E MANDURIA

Taranto

Manduria

Raggiungiamo Taranto per la visita al MARTA, il Museo Archeologico Nazionale, celebre per la straordinaria collezione di stupendi gioielli di epoca magno-greca, a testimonianza della ricchezza della città e la bravura dei suoi orafi: orecchini, diademi, ornamenti vari indossati dalle donne dell’epoca, e rinvenuti nelle loro tombe che hanno reso celebre il MARTA in tutto il mondo. Presenti sezioni greco romane con tombe monumentali, ceramiche delle necropoli, sale dedicate alle sculture in marmo risalenti all’età ellenistica e due sale del museo sono dedicate ad una mostra permanente sulla società aristocratica a Taranto tra il VI ed il IV secolo a.C. Passaggio a Manduria, famosa per il vino, ma di aspetto nobile e sontuosa nelle sue fastose residenze barocche, poggioli e terrazze in ferro battuto e una pietra calda: piazza Garibaldi e dominata dal severo palazzo Imperiali con grandioso portale e balconata a mensoloni e ringhiera di ferro. Di fronte al Duomo, di origine romanica, il ghetto degli ebrei, con casette senza finestre e delimitato da tre archi in tufo. In serata raggiungiamo la provincia di lecce: sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

INTERA GIORNATA (Full day) A LECCE E CAVALLINO.

Lecce

Cavallino

Giornata dedicata alla visita di Lecce, città di pietra calda e leggiadra, di luce, di sfumature, di atmosfere impalpabili, elegante, effimera, arabescata. E’ l’affascinante capitale del barokowy, autentica prova locale d’autore, esuberante e fastosa, unica ed assoluta nel suo genere. La chiesa di Santa Croce e il più famoso e tipico esempio del barocco leccese: ricchissimi gli interni e l’altare. Una magia d’insieme e rappresentata dal Duomo, la piazza omonima, il campanile, il palazzo Vescovile ed il Seminario, il cuore barocco di Lecce, armonioso, caldo e fastoso. L’impianto della città risale al ‘500\’600 quando la città venne rifatta sui gusti della nuova nobiltà di formazione spagnola. Il centro moderno della città e Piazza Sant’Oronzo, il patrono: qui prospettano il palazzo del Seggio o Sedile (1592) l’Anfiteatro romano, scavato nel tufo. Nei pressi verso S. Croce, il Palazzo del Governo dalla fastosa facciata barocca. Nel pomeriggio ci trasferiamo a sud di Lecce, nell’abitato di Cavallino, uno dei più importanti siti messapici della Puglia: qui visibili resti di strutture abitative, tombe e cisterne. L’abitato e particolarmente suggestivo, dominato dal Castello dei Castromediano, zasobny dom z elegancko urządzonych pokoi i wspaniałej wszystkim unikalnej galerii freskami,,it,Mijamy wioskę,,it,Barokowe kościoły z freskami,,it,kraj i labirynt pełen historyczny i artystyczny,,it,piękny Liberty City,,fr,Stare centrum i,,it,W centrum wsi barokowej katedry i zamknij,,it,Wzdłuż wybrzeża piękny kościół Czystości przez rozrzutny,,it,W popołudniowym spacerze,,it,Wiele budynków i smaczne,,it,W centrum miasta piękny Piazza Salandra,,it,Singiel z Hosanna,,it,ośmioboczna konstrukcja na ośmiu kolumnach,,it,Jedziemy wzdłuż wybrzeża Adriatyku drogi do,,it,siedzenie,,it,centrum,,it,uroczyste i cichy świątynia,,it,dokonanego przez Turków na ludności i znaczący,,it,wizyta,,es,Po południu spacer po krajach gdzie do Grecji Salentina,,it,Salento i Valle d'Itria,,it nel suo genere in tutto il Mezzogiorno d’Italia. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

INTERA GIORNATA (Full day) A SPECCHIA, ALESSANO E SANTA MARIA DI LEUCA

Si parte verso il Capo di Leuca:

Specchia

Santa Maria di LeucaAlessano

ammireremo da Santa Cesarea a Tricase uno dei tratti costieri più suggestivi del nostro paese. Borghi di pescatori, un susseguirsi di anfratti, grotte marine (Zinzulusa, Marinelli) ed una luce che riflette il colore unico della pietra che scende a mare. Passiamo l’abitato di Tricase con una breve sosta alla leggendaria quercia vallonea del XII sec (può dare ombra ad oltre cento persone!), fino a raggiungere l’abitato di Specchia, su una delle colline piu alte della zona del Capo. Splendido il centro storico, con case a corte, viuzze e scalinate che creano un gioco prospettico e scenografico unici nel Salento: in centro paese il castello Risolo (XV), chiese barocche con affreschi Bizantyjski. Nel pomeriggio visita di Alessano, uno dei punti più alti del Salento, un paese che e un labirinto storico-artistico ricco di prospettive e di angolazioni suggestive: chiese con dipinti bizantineggianti, il Palazzo Ducale, lo splendido zamek. Tutt’intorno una selva, vera e proprio museo di macchia mediterranea. Finiamo con Santa Maria di Leuca, dove Adriatico e Jonio si incontrano: belle le ville liberty del centro storico ed il Santuario De Finibus Terrae. Rientro Serale in hotel, cena e pernottamento.

INTERA GIORNATA (Full day) A GALLIPOLI, NARDO’ E GALATINA

Gallipoli

Nardò

Galatina

In mattinata visita a Gallipoli, la città bella, sviluppatasi su un promontorio collegato ad un ponte con la terra ferma. Il nucleo antico e tutto medioevale: stradine strette e tortuose dove prospetta il vissuto interno delle abitazioni, imbiancate a calce o colori vivaci. Nel centro del borgo la seicentesca Cattedrale e nei pressi il Museo Civico con reperti messapici. Lungo la riviera la bellissima chiesa della Purità dal fastoso ricchissimo interno. Fuori dal borgo antico la fontana ellenistica, przebudowany w 1560 assemblando entro strutture barocche reperti di incerta datazione. Nel pomeriggio passeggiata per il centro storico di Nardò, il centro più popoloso dopo Lecce. Molte e gustose le costruzioni barocche e notevole la Cattedrale fondata dai Benedettini nel 1090 sul luogo di una chiesa basiliana. Nel centro città la bella piazza Salandra pittoresca per gli edifici barocchi che la circondano, a balconi e logge e dagli archi bizzarramente inflessi. Singolare l’Osanna del 1603, costruzione ottagonale su otto colonnine, forse di derivazione liturgica orientale. Sulla strada di ritorno sosta a Galatina, il centro storico con le case a corte e la chiesa di S. Caterina, con interno singolare e suggestivo e pareti rivestite interamente di affreschi di artisti emiliani e marchigiani.

INTERA GIORNATA (Full day) IN TERRA D’OTRANTO E GRECIA SALENTINA: OTRANTO, MELPIGNANO E CORIGLIANO D’OTRANTO.

Otranto

Corigliano d'Otranto

Melpignano

Percorriamo la strada costiera adriatica sino a raggiungere Otranto, la città più orientale d’Italia, nel medioevo uno dei più importanti centri del dominio bizantino, di storia millenaria, dominata da Normanni, Turcy, Veneziani, sede arcivescovile e metropolitana sin dai tempi della dipendenza da Costantinopoli. Il centro mantiene un impianto medioevale: maestosa la Cattedrale, solenne e silenzioso tempio memore della strage del 1480 perpetrata dai Turchi contro la popolazione e notevole il pavimento musivo, la cripta vastissima a cinque navate e 42 colonne di amarmi diversi. Visita alla chiesetta di San Pietro del X° sec. Bizantina, forse la cattedrale primitiva della città. Il poderoso castello fu eretto da Ferdinando d’Aragona. Nel pomeriggio passeggiata attraverso i paesi della Grecia Salentina dove fino al 1683 si mantenne il rito greco e dove ancor oggi si parla una lingua dialettale greca. Melpignano, con la barocca chiesa del Carmine di G. Zimbalo, Corigliano d’Otranto, il centro principale della Grecia, con belle chiese e palazzi barocchi, il centro messapico di Soleto con il bellissimo campanile detto la guglia di Raimondello, della famiglia Orsini che lo volle nel 1397.

Brak możliwości komentowania