Weekend naturalistico “Aspettando il tramonto”

Viviamo gli spazi aperti emozionandoci al tramonto e celebrando i monumenti della natura e della cultura. L’oasi naturalistica “Laguna del Re” nei pomeriggi di Sabato 15 Maggio e Domenica 16 Maggio 2021 dalle ore 16,00 alle ore 19,00. La giornata di Domenica 16 Maggio 2021 prevede inoltre, al mattino, un rigenerante trekking e visita guidata presso l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano

Continua

La Farrata: rustico tipico della tradizione manfredoniana

La FARRATA è una pietanza tipica della città  di Manfredonia, rustico fragrante della tradizione carnevalesca sipontina. E’ così chiamata perchè composta prevalentemente di grano di farro. In questo rustico assai gradevole si utilizzano ingredienti della civiltà arcaica: grano macerato, ricotta pecorina, menta maggiorana, cannella e pepe. La sfoglia superiore si spalma di tuorlo…

Continua

Manfredonia Urbancycling (Cicloturistico urbano)

Pedalando tra mulattiere e olivi monumentali L’itinerario consiste in una passeggiata cicloturistica con partenza dal Regio Hotel Manfredi di Manfredonia (FG) per conoscere l’antica strada vicinale Pedicagnola, ai piedi dell’altopiano Garganico che collegava anticamente il territorio di San Marco in Lamis fino alla piana di Mattinata. Come testimoniato dalle carte…

Continua

Tour culturale al Carnevale di Putignano Domenica 16 Febbraio 2020

Le Associazioni Daunia TuR, Centro di Storia e Cultura della Daunia” di Manfredonia e “La Montagna del Sole” di Cagnano Varano, organizzano per i propri associati e simpatizzanti per Domenica 16 Febbraio 2020 un viaggio giornaliero in bus gran turismo per raggiungere la località di Putignano ed assistere alla 626a Edizione del Carnevale di Putignano (il più antico d’Europa). Nel pomeriggio, dopo il pranzo libero a cura dei partecipanti, avremo l’accoglienza della Pro Loco locale per la visita dell’esclusiva Grotta di San Michele in Monte Laureto (a circa 3 chilometri dal centro abitato di Putignano). Suggestivo luogo di culto di Monte Laureto, il Santuario dedicato a San Michele Arcangelo è completamente scavato nella roccia. con frequentazioni sin da epoche remote come luogo di celebrazioni religiose, prima in devozione del dio Apollo e poi dedicata a San Michele Arcangelo. Un’ampia scalinata introduce alla grande camera unica della chiesa rupestre, dove si conserva un’edicola affrescata, risalente al periodo bizantino. Sulla destra, compare un’altra edicola con un affresco della Madonna del Carmine, mentre a sinistra dell’altare trionfa la statua di San Michele.

Continua